Via Annio

Home | Esperienze | Luoghi | Via Annio

Descrizione

Una via molto caratteristica a Viterbo è Via Annio. Si colloca su via Cavour, poco oltre piazza Fontana Grande, e rappresenta una via di accesso preferenziale al quartiere medievale della città.

Immaginando di percorrerla, già dopo pochi passi possiamo incontrare una tipicità dell’architettura medievale viterbese. Si tratta del profferlo: è questo il nome dato alla tipica scalinata a una sola rampa che si appoggia direttamente alla facciata dell’edificio.

Il profferlo culmina con una piccola loggia che consente l’ingresso all’abitazione. Possiamo vederne un bell’esempio, con tanto di balconcino, all’angolo con Via degli Scalzi: spesso questo tipo di soluzione divideva l’ingresso tra la bottega al piano inferiore e la casa del proprietario, a quello superiore.

La passeggiata continua fino a sbucare su Via Cardinal la Fontaine, all’incrocio con diversi punti d’interesse come Piazza san Carluccio o Piazza della Morte.

La storia di Annio da Viterbo, creatore di leggende

Via Annio prende il nome da un personaggio che è certamente degno di essere ricordato, se non altro per la sua fervida fantasia.

Frate Annio, al secolo Giovanni Nanni, è infatti uno dei più celebri falsari della città, apprezzato anche da papi come Sisto IV e Alessandro VI. Appartenente all’ordine domenicano, estremamente colto e un po’ eccentrico, visse tra Quattrocento e Cinquecento, anni in cui la cultura classica era tornata molto in voga e si cercava di trovare origini mitiche alla propria città.

Frate Annio di certo non lesinò in fantasia: alle origini di Viterbo collegò nientemeno che Noè, il re longobardo Desiderio, l’etrusco Laerthe e il dio egizio Osiride, scrivendo ben 17 volumi noti come “L’Antichità di Annio”.

Il simpatico personaggio non si limitò a diffondere queste credenze, ma addirittura creò del falso materiale archeologico, come lastre ed epigrafi, che sono tuttora conservate nel museo della città.

Galleria

Attività Commerciali Vicine

Scopri tutte le attività

Rimani Aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter e scopri le novità di Viterbo Medievale